Ieri abbiamo festeggiato i nostri primi 6 mesi.
L’11 settembre è una data che ci ha portato fortuna, paradossale a dirsi ma è così.
6 mesi stupendi, 6 mesi che sono volati e a stento riesco a trovare le parole per esprimere tutto ciò che provo quindi evito di provarci:P

 Ma per me questo Marzo è stato importante sotto tanti punti di vista come già ho scritto qualche giorno fa, non in ultimo (anzi direi proprio al primo posto) la decisione di smettere di mangiare carne.
Basta, stop, non ne posso più; per un’amante della carne come me non sarà facile ma neppure impossibile.
Ho sempre amato la carne in tutte le salse però da ormai più di un anno ho notato che non la vado a cercare né la compro, spesso perché mi rompo di cucinarla e quindi non mi considero una drogata di carne e poi la mangio sì e no una volta ogni 10 giorni.
La spinta risolutiva me l’ha sicuramente data il libro di Foer, lo avevo già letto l’anno scorso ma sommariamente, ora l’ho ripreso con calma e sto leggendo delle atrocità tali che mi sta venendo il vomito; però non solo le atrocità sono la motivazione della mia scelta, ci sono molte motivazioni che posso riassumere:

 Etica: non voglio più essere responsabile (anche se indirettamente lo siamo comunque) di tutte le atroci sofferenze inferte agli animali, sofferenze che vanno al di là dei diritti umani e sono al pari delle atrocità ai tempi nel Nazismo.

Pulcini considerati inutili che vengono triturati vivi ed eliminati; maiali sgozzati ancora vivi; galline alle quali si taglia il becco senza anestesia per non farle impazzire (perché vivono tutta la loro breve vita nello spazio di un foglio A4 senza luce del sole, aria fresca, addossate le une alle altre e sguazzando nelle loro stesse feci) becco tra l’altro che è pieno di terminazioni nervose e vivono col dolore finchè non le uccidiamo; vitelli ai quali si somministra a forza cibo pieno di conservanti, antibiotici, ormoni e schifezze per fargli venire fame e ingrassarli e in generale tutti gli animali sono costretti a vivere a contatto con le feci loro e degli altrui animali sviluppando diverse malattie tenute più o meno sotto controllo dai molteplici antibiotici somministrati; oche e anatre soffocate ogni giorno da 500 gr di mais cotto e salato finchè il fegato diventa di grandezza abnorme e le si trasforma in foie gras; conigli anch’essi rinchiusi tutta la vita, imbottiti di farmaci e macellati senza anestesia…e via discorrendo ma già qui mi sta venendo la nausea.

Salute: già solo leggere che i polli vengono passati più volte in una vasca piena dei loro escrementi e la loro carne assorbe questa zuppa di feci farebbe passare la fame a chiunque; sapere poi che l’Escherichia Coli e la Salmonella ce le ritroviamo nella fettina di carne è davvero troppo (infatti ci invitano sempre a cuocere benissimo la carne).
Se a tutto questo aggiungiamo che tutti gli antibiotici rimangono anch’essi all’interno dei tessuti e che alla carne piena di feci e batteri viene iniettato un siero per “darle il gusto di ciò che noi riteniamo sia il gusto del pollo”,direi che il quadro è completo.
Possiamo anche aggiungere il fatto che tutti questi antibiotici e batteri sono la causa dei nostri strani virus, di queste influenze intestinali, di nuovi tipi di influenze e via discorrendo.
Non sto qui ad elencare tutti i danni che la carne apporta all’organismo, mi sto ancora informando su molti di questi e comunque ci sono moltissimi siti che ne parlano.
L’aspetto molto interessante è quello anatomico: l’uomo NON è fatto per mangiare carne.
Per chi volesse approfondire vi segnalo questi due siti ma ce ne sono quanti ne volete:

http://www.alimentazionesostenibile.org/anatomia/carne1.asp

http://www.viveremeglio.org/0studio_facile/studio/xcarne.htm

http://www.disinformazione.it/teorema_vegetariano.htm

 Ambiente: la produzione di carne è una delle principali cause dell’inquinamento e una delle più devastanti.
Diversi siti approfondiscono queste argomentazioni nel dettaglio quindi non voglio fare dell’inutile proselitismo o mille elenchi, ritengo però che sia giusto che la gente possa scegliere conoscendo bene le varie opzioni di scelta perché fintanto che ci diranno che la dieta vegetariana e/o vegana è dannosa, che si fanno controlli rigorosi negli allevamenti, che la carne fa bene e che gli asini volano la nostra scelta sarà pilotata.
E’ come quando i cattolici pensano che le loro feste siano “originali”, che Gesù sia davvero nato il 25 dicembre, che il culto dei santi sia permesso nella loro religione, che non esista un 11esimo comandamento che è stato cancellato e via dicendo.

 Io ero ignorante sull’argomento carne fino a poco tempo fa e devo informarmi ancora molto ma  onestamente ho deciso di non farmi più prendere per il culo, gli altri son liberi di fare ciò che gli pare, non sono né diventerò mai una di quelle vegetariane fanatiche che cazziano i propri amici, giudicano tutti, parlano in continuazione delle proprie scelte culinarie e obbligano chiunque transiti da casa loro a nutrirsi veg, ognuno è responsabile della propria vita e delle proprie scelte, io penso alle mie.

 E io ora mi sento ancora più leggera mentalmente e psicologicamente:)

Annunci