La ricerca casa procede, Lui mi accompagna a visionare degli appartamenti, per ora ne ho visti 4 ma non andavano bene, spero nelle prossime.
Non vedo l’ora di andarmene da Milano, ora che finalmente ho le possibilità economiche per farlo la mia voglia di scappare è più forte che mai, soprattutto dopo che ho scelto dove abitare: un paesino molto carino e ben servito dalla ferrovia con un bosco enorme davanti per fare tante passeggiate.
Finalmente potrò dire addio al caos cittadino, ai clacson assordanti delle auto, alla puzza di smog che riempie casa ogni volta che apro le finestre, alla gente isterica che mi spintona e al grigiore dei palazzi.

Queste settimane sono molto impegnate, sto producendo un sacco di altre creazioni per il mio negozio online ma sto aspettando ad aprirlo, voglio accumulare un po’ di cose e mi sto dedicando di più alla ricerca casa che tanto per il negozio non c’è fretta.
Quando avrò sistemato tutte le foto e non sarò troppo incasinata lo aprirò, a giorni come a settimane, poco importa 🙂

Sono stati anche giorni particolari, avevo convinzioni che si sono scontrate con la realtà.
Non so perché questo sia accaduto, arriva un certo punto dopo diverso tempo che ti senti sicuro, convinto di qualcosa e invece no, tutto si stravolge ma non sono triste, in passato avrei sofferto o ci sarei rimasta malissimo, ora invece sto imparando ad elaborare queste situazioni, a capire che certe cose devi prenderle e viverle così come vengono.
Io sono sempre stata fin troppo per tutti e ho sempre fatto tanto per conoscenti, amici e altro, salvo poi rendermi conto che spesso non ne valeva la pena; spesso quindi mando sms che non avranno mai risposta, attenzioni che non vedranno riconoscenza, aiuti che si dimostreranno senza valore o fondati su bugie che mi son state raccontate.
Non l’ho mai fatto per avere qualcosa in cambio ma perché ci tenevo, ho sempre cercato di applicare il detto: “Fa’ il bene e scordatene” eppure ci sono situazioni nelle quali, dopo decine di favori, aiuti, vicinanze, confidenze e altro ti rendi conto che ok, va bene che non tengo la partita doppia ma potrà arrivarmi qualcosina ina ina in cambio, così, giusto per farmi capire che te ne frega qualcosa? E’ qui il mio errore: aspettarmi qualcosa.
Quindi ora me ne frego e faccio come fanno tutti: conservo dentro il mio affetto ma mostro poco e do poco, do la mia amicizia in modo superficiale così almeno non sarò sempre io a rimetterci.
Se una persona, dopo anni di amicizia, mi mette allo stesso livello di decine di amici conosciuti pochi mesi fa significa che di me non ha capito nulla e non ha nemmeno mai apprezzato davvero ciò che le ho dato; se poi è il suo modo di vivere le amicizie cavoli suoi, io non sono così superficiale né potrò mai esserlo quindi da me non avrà più nulla.

Un’altra cosa che devo ricordarmi è: non posso aprire gli occhi di una persona che pensa di averli già aperti.
Santo cielo, quanta saggezza! 😛

Annunci