…e che invece è necessaria.
E’ una decisione che mi ha tormentata dal mese seguente l’adozione fino ad oggi, una decisione che ho ricacciato nel cuore, ignorato, scacciato via, accantonato nell’angolo più remoto di me ma il destino, quant’è vero, ha sempre voglia di giocare con noi e quindi, dopo che a maggio 2012 ho rimandato…dopo un anno esatto mi ritrovo a maggio 2013 con la stessa identica decisione, stavolta da prendere per forza.

Dovrò restituire Merlino. 

Non mi dilungo sulle mille ragioni che avevo l’anno scorso anche perché quest’anno sono diventate duemila, ci ho messo cuore, corpo e anima in questa adozione, le ho provate tutte per farlo convivere serenamente con Morgana ma il risultato è che dopo 1 anno e mezzo la situazione è ormai insostenibile, il risultato è che ho una gatta terrorizzata a morte, dimagrita tanto che ormai si sentono solo le ossa, che non riesce a mangiare né ad andare in bagno né a dormire in pace perché viene sempre, costantemente, inesorabilmente attaccata da questo gattone meraviglioso ma prepotente e territoriale sempre più aggressivo e voglioso di avere la casa tutta per lui.

Ho rimandato per un anno e mezzo, me ne sono fregata, ho fatto finta di non vedere, ho amato quel Tronco/Cannone/Cuore di Pelo buffo, imbranato e meraviglioso dal primo momento e mi dilania il cuore sapere che dovrò farlo andare via, non sapere in che mani finirà ma non posso, gli Dei mi sono testimoni, non posso fregarmene di Morgana, ignorare il suo grandissimo disagio, il suo stress, la sua vita basata ormai solo sul terrore, né posso ignorare i vari vet che hanno ammesso che quasi certamente Merlino è un gatto da adottare come gatto singolo.
Per non diventare stronza nei confronti di Merlino lo sono diventata nei confronti di Morgana.

 Non era destino, non era proprio destino.

E il cuore ora mi frana nel petto.

Annunci